Informarsi è partecipare - Gruppo consiliare "Uniti per Godiasco" - Godiasco Salice Terme (PV)


giovedì 29 novembre 2012

Dal lontano 1964, una fusione che si è fusa?

Qualcuno saprebbe dire qualcosa di questo video  di quasi 50 anni fa?
Di quale fusione si parla, chi sono le persone che parlano ecc ecc.
Dovrebbe essere dell'agosto del 1964.

Il filmato è reperibile sul sito www.archivioluce.com e sul canale www.youtube.it vere miniere di filmati storici interessantissimi

Altro interessante cliccando QUA del maggio '64

Si parla di fusione fra Godiasco e Rivanazzano sotto il nome di Salice? E come siamo tornati indietro?


A parte i filmati precedenti, cliccando QUA ed inserendo nell'apposito spazio le parole "salice terme" si ottengono vari filmati; il più vecchio risalente al 1955 e mostra immagini di un concorso di Miss Italia. Si possono poi vedere altri brani di storia salicese, fra cui premiazioni di Aldo Fabrizi e Renato Rascel, attori allora celeberrimi.
Con rammarico mi chiedo dove sia ora quella Salice Terme, chi l'ha rubata, chi l'ha uccisa.

8 commenti:

  1. "esempio unico" e dopo 60 anni rimaniamo ad esempio dei nostri figli.
    Bell'esempio. Un'occasione persa.
    perché non riprendere il tema?
    Comune di Salice Terme.

    RispondiElimina
  2. tanto i nostri Comuni hanno i soldi da butar via, va bene così, perchè insistere, poi passiamo anche da stupidi.
    Visto che a ROMA si spende e si spande, si vede che anche noi abbiamo diritto di farlo, stupido se non lo fai, io non la penso così.

    RispondiElimina
  3. stefania martinelli30 novembre 2012 23:22

    Per saperne qualcosa in più forse si potrebbe parlare con Romana Cignoli di Godiasco, la moglie dell'allora sindaco dott. Mazza, quel signore che nel filmato porta il cartello di Godiasco e stringe la mano al vicesindaco di Rivanazzano. Ci potrebbe raccontare di polemiche e campanilismi di cinquant'anni fa e si potrebbe fare un confronto con ciò che avviene oggi, che non pare sia tanto diverso. Interessanti i vecchi video su Salice:la fama di quegli avvenimenti mondani potrebbe essere stato uno dei motivi per cui Salice non era amato dai vicini? invidia? Chissà che i nostri figli, nipoti non possano mettere in pratica il detto di quel signore"l'unione fa la forza" e oggi occorre aggiungere "e fa risparmiare". In Italia alcuni comuni con un referendum l'anno già fatto... Cordialmente Stefania Martinelli

    RispondiElimina
  4. Ci voleva un Toscanaccio come te ,caro Alberto,per riesumare dagli archivi RAI,Incom,Luce ecc.ecc.questi preziosi documenti.Mi hai fatto un graditissimo regalo,io all'epoca ero poco più che adolescente,avevo altro a cui pensare,e non certo alla fusione di Salice con Godiasco e Rivanazzano.Grazie,me li sono visti e rivisti parecchie volte....come era bella Salice allora,
    non certo come è oggi.
    Luciano Benedini

    RispondiElimina
  5. Concordo con Luciano,
    oggi Salice è triste e i suoi Amministratori pure!
    Non hanno un'idea di rilancio nè di sviluppo.
    PS
    Per favore risparmiateci quell'orribile tabellone elettronico esposto a Godiasco!
    Cesare

    RispondiElimina
  6. Anch'io concordo che SALICE è triste con le piante legate con funi d'acciaio nel viale del PARCO, che orrore, una volta le catene agli uomini, poi le gabbie agli animali ora le funi d'acciaio alle PIANTE, orrore
    ORRORE orrore ORRORE orrore ORRORE orrore ORRORE, Quest è peggio del TABELLONE ELETTRONICO, ma la guardia forestale lo sà ? Per fa divertire quattro mocciosi leghiamo le PIANTE CON FUNI D'ACCIAIO, ma TARZAN e CITA nella loro foresta usavano le corde d'acciaio ??? MA CHE PARCO AVVENTURA !

    RispondiElimina
  7. Mi permetto di rispondere all'anonimo che precede questi miei chiarimenti : le funi d'acciaio che Lei avrà visto una che lega una bella quercia robur ad altre due esemplari,appena dietro la tribuna della giuria del campo Lanzuolo ,e l'altra nella " buca " sono state messe per mettere in Sicurezza alcuni esemplare che per la loro inclinazione sono diventate un pericolo per chi transita loro vicino.Queste sono disposizioni consigliate dal rapporto Fitosanitario del parco di Salice redatto dal dott.Tantardini e dal sottoscritto nel 2011.Per quanto riguarda il Parco avventura,il legare con funi piante di pino austriaco e cedri per allestire i percorsi,ciò non reca alle piante nessun tipo di danno,perchè i cavi d'acciaio non cingono direttamente le piante,ma ,come si può vedere,cingono una fascia- protezione di legni che non permettono ai cavi di recare danni.Poi ogni due anni verrà fatta una verifica dell'allargamento dei tronchi,e verranno rimodulati gli agganci.

    Questo è doveroso per una corretta informazione

    Luciano Benedini

    RispondiElimina
  8. Concordo con quanto chiarito dal Signor L BENEDINI, augurandoci che ogni 2 anni vengano riviste le fasciature, rimango comunque del parere che a vista d'occhio E' UN OBROBRIO vedere queste meravigliose piante di PINO AUSTRIACO che facevano bella mostra della loro imponenza ed ora si trovano legate da questi cavi d'acciaio. Non cambio idea, è stato deturpato un bell'angolo di PARCO, forse è meglio passeggiare tra gli ALTI FORNI DELL'ILVA.

    RispondiElimina

Se tu dai un euro a me ed io uno a te, abbiamo un euro ciascuno.
Se tu dai un'idea a me ed io una a te, abbiamo due idee ciascuno.
Le idee sono importanti, ma non è da meno la cortesia di farsi riconoscere quando si posta un commento.