Informarsi è partecipare - Gruppo consiliare "Uniti per Godiasco" - Godiasco Salice Terme (PV)


martedì 25 dicembre 2012

Charlie Chaplin, Natale 1977

Mi dispiace, ma mi fa anche piacere, ricordare che oggi, giornata dedicata alla gioia dello stare in famiglia, ricorre il 35° anniversario della scomparsa del grandissimo Carlie Chaplin.
Forse il giorno che "scelse" per andarsene non poteva essergli più adatto: un poco di gioia nel dolore, un poco di dolore nella gioia.
Forse questo è stato il suo più grande messaggio: persone semplici con una vita semplice, una vita fatta di gioie e dolori, una vita dove gli affetti riescono a far sopportare le prove più dure.
Credo che ognuno di noi debba qualcosa a Charlie Chaplin: almeno l'averci lasciato Charlot.


1 commento:

  1. Francesco Bonventre26 dicembre 2012 09:33

    Un grande uomo con il cuore di bambino; Charlie Chaplin rappresenta plasticamente la parte migliore dell’essere umano, il suo successo è servito a farlo conoscere al mondo come esempio da imitare.

    RispondiElimina

Se tu dai un euro a me ed io uno a te, abbiamo un euro ciascuno.
Se tu dai un'idea a me ed io una a te, abbiamo due idee ciascuno.
Le idee sono importanti, ma non è da meno la cortesia di farsi riconoscere quando si posta un commento.