Informarsi è partecipare - Gruppo consiliare "Uniti per Godiasco" - Godiasco Salice Terme (PV)


sabato 27 ottobre 2012

Parco giochi di via Gennaro: il parere della ASL

Abbiamo varie volte parlato del parco giochi di via Gennaro in Salice Terme, quello davanti alla scuola materna, in cui vengono condotti a giocare i bambini della scuola stessa.
Ammetto con rammarico che l'interesse suscitato è stato minimo rispetto a quello che scaturisce dalle cacche di cane, ma a me, perdonate, interessa lo stesso. Forse perchè sono convinto che i bambini dovrebbero avere un poco più di attenzione, dal Comune, rispetto a quella (in verità assai poca) destinata ai cani.
Comunque, scrivevo il 25 settembre scorso (clicca QUA) per dare la piacevole notizia che erano iniziati i lavori per togliere il pantano che rendeva, a mio parere, insalubre la struttura.
Concludevo dicendo "Forse è stato anche di aiuto l'esposto presentato alla ASL, Ufficio Igiene Pubblica, lo scorso 17 settembre".


In effetti avevo presentato pochi giorni prima alla ASL un esposto con cui chiedevo loro di verificare se le mie sensazioni di insalubrità avessero fondamento.
Probabilmente, ma è solo mia deduzione, l'Amministrazione ha avuto notizia della mia iniziativa ed ha provveduto, per un po' di comprensibile coscienza sporca, a fare in fretta dei lavori: scavo del laghetto/pozza/ allevamento di zanzare con relativo pantano, drenaggio, copertura del tutto. E così è ancora dal 25 settembre. Hanno pensato di mettere tutto a posto.
Invece qualcosa gli è andata storta.
Ieri 26.10 ho ricevuto dalla ASL la lettera riprodotta qua sotto, indirizzata al Sindaco e a me per conoscenza.
Lì si dice che è stato effettuato un sopralluogo il 16.10, ovvero 20 giorni dopo i lavori effettuati dal comune e, per quanto osservato, scrivono " .... si ritiene pertanto necessario un intervento di bonifica all'area interessata dall'acquitrino sopra descritto"
Riassumendo: i tecnici dell'ASL hanno visitato la struttura dopo l'effettuazione dei lavori e l'hanno ancora trovata carente.
I tecnici hanno anche visto i giochi per i bambini e li hanno definiti "... in discreto stato di manutenzione ..."  forse perchè non spettava a loro controllare la regolarità delle revisioni operate sugli stessi, revisione che una apposita legge stabilisce dover essere fatta al massimo annualmente.
Intanto i bambini delle materne e non solo ci vanno a giocare.
Se pensate che il problema meriti un poco della vostra attenzione, anche se non riguarda i cani, offrite un commento.

Questa a seguire la lettera della ASL. I nomi dei tecnici li ho cancellati per ovvi motivi di riservatezza.





24 commenti:

  1. sono d'accordo con lei riguardo il poco interesse che ha sviluppato il parco giochi dei bambini nei confronti delle cacche dei cani,ma penso che sia una questione di numero di persone interessate all'argomento, il comune si lamenta che è sempre senza fondi, ma un minimo di lavori di mantenimento degli impianti deve essere fatto, a mio avviso in comune oltre che alle risorse finanziarie mancano le risorse umane, , il personale sembra demotivato,mi auguro che in giunta in fase di approvazione dl bilancio ,si faccia una lista di priorità di manutenzioni da fare ciclicamente per evitare i disastri che alla fine costano molto di più, in aggiunta fare qualche miglioria.
    Ripeto a mio avviso manca l'entusiasmo, forse è il periodo.
    durante la fase di preparazione del bilancio ci vogliono anche i tecnici per definire tutte le priorità di manutenzione, magari sono opere che non danno nell'occhio e quindi danno poca pubblicità ai politici, ma essenziali.
    mi auguro che una volta rimesso in sesto il parco, ll comune pensi anche al parco giochi dei bambini manutenzione strade e marciapiedi , fognature e scarichi, acque piovane, servizi per gli anziani etc.
    Poco tempo fa ho parlato con un signore in pensione è mi ha detto che se vuole fare una partita a carte e fare due parole con qualcheduno deve andare al circolo a Rivanazzano, qui a salice non esiste un ritrovo per gli anziani , un bocciofila più nulla.

    cordialmente
    Della Casa

    RispondiElimina
  2. Quello della assenza di un luogo dove anziani e giovani possano trovarsi è un vero problema sul quale mi sono intrattenuto. A mio avviso la mancanza è frutto anche di una pessima gestione della biblioteca comunale. 6 ore di apertura settimanale sono una vera presa di giro. Sarebbe certamente facile organizzare dei turni per una apertura notevolmente più lunga. Invece di tenerla chiusa per qualche mese per mancanza di personale (occupato a catalogare l'ingente "donazione") e spendere soldi per scaffalature per la "donazione" si potrebbe tenerla aperta, magari con 2 o 3 quotidiani ed una macchinetta per bevande calde. Poi la frequenza la farebbe rifiorire. Ma siamo passati da una amministrazione cui l'idea di cultura era estranea ad una in cui vi è un atteggiamento statico, favorevole alle manifestazioni roboanti o ai volumi rilegati in cuoio. Credo che entrambe le visioni siano incongruenti alle reali esigenze del paese. Ma finchè si preferirà parlare di cacche e di fontanelle rotte ...

    RispondiElimina
  3. Ingenuo Ottimista28 ottobre 2012 09:51

    Il parco dei bambini necessita più cura e ringrazio lei per l'attenzione posta che ha permesso di vedere qualche miglioramento anche se parziale.
    Per gli anziani direi che il boccio potrebbe risuscitare e tornare ad essere il centro per gli anziani che manca a salice...per il periodo invernale si vedrà di fare un veranda o qualche cosa per restare al caldo.
    Approfitto per fare i complimenti per un paio di eventi di totale normale amministrazione ma che, considerando la situazione attuale, devono essere considerati dei risultati da celebrare.
    Via Mangiagalli è stata asfaltata, almeno parzialmente, ed al momento sembra essere un buon inizio (bisognerebbe tracciare le strisce pedonali...).
    I dissuasori di velocità per andare a montalfeo e davanti al castelletto...ne manca uno appena prima del ponte sullo staffora perche la vera pista da gare dove le auto raggiungono velocità imbarazzanti è via Diviani...se solo si installassero quegli apparati per fotografare chi supera i limiti di velocità si risolverebbe il problema con la felicità di tutti.
    saluti

    RispondiElimina
  4. Caro sig.Della Casa,
    provo a dare una mia interpretazione
    ad alcune sue segnalazioni : Il ritrovo per anziani con annessa bocciofila sino ad alcuni anni fa esisteva
    ed era frequentata sopratutto da anziani che andavano a fare la loro quotidiana partita a carte e d'estate anche a gare di bocce.Un'illuminato Salicese-assicuratore-broker ecc.ecc.pensò di comperare la struttura di proprietà della Curia di Tortona,e con il beneplacito del nostro parroco,per farne un Hotel a 4 stelle per il rilancio del turismo Salicese e..naturalmente per il suo tornaconto famigliare.Il Comune di Godiasco si affrettò a modificare addirittura gli indici di cubatura che avrebbero permesso al "munifico imprenditore " Salicese di costruire ciò che era impensabile per altri..Non ricordo di quanto aumentarono gli indici di edificabilità,ma ricordo di parecchio.Ora i lavori sono fermi da parecchio tempo,e sembra che la famiglia Bisterzo abbia messo in vendita la struttura
    così come si trova.Sarebbe bello che il sig. Sorrentino pubblicasse in bella evidenza sul suo blog
    la pubblicità che viene fatta per la messa in vendita dell'immobile.Darebbe così una mano alla famiglia Bisterzo e nello stesso tempo magari tra i Salicesi-
    Godiaschesi viene fuori qualcuno che rileva la struttura e ne fà una bella bocciofila con annesso sala da gioco per anziani e giovani.Questo è il classico esempio di come,quando si hanno manie di grandezza si faccia alle volte il passo più lungo della gamba,con il risultato che non abbiamo più una bocciofila,nè un locale che ospiti gli anziani,i pensionati,i giovani.Grazie al sig.Parroco don Valentino,alla fam.Bisterzo,al Comune di Godiasco-Salice Terme che ha creduto in tutto ciò ed ha cancellato l'unico ritrovo del paese per anziani.

    Riguardo poi alle cacche dei cani nel parco,io credo che se ne sia parlato anche troppo,ma se vuole il mio parere al proposito,io penso che a casa d'altri ( fam Fabiani )hanno già tollerato fin troppo di come si comportano alcuni proprietari di cani in casa loro.
    Lei sarebbe contento se nel suo giardino ( ammesso che ce l'abbia )venissero delle persone con cani al seguito a fare i loro bisognini ?? io credo di no,anche perchè Salice non ha solo il parco di verde,
    c'è anche il lungo-Staffora,campi,stradine di campagna ecc.ecc.Le alternative ci sono,non siamo in città,siamo in campagna.

    Riguardo a " rimettere in sesto il parco "come lei si augura,non si illuda ! di soldi non ce ne sono,la proprietà non paga neppure gli stipendi al personale,si figuri se caccia dei soldi per il parco.

    Ci avevano illusi,io sono tra quelli che ha dato parecchio per il parco,in termini professionali,di tempo e di impegno,sono forse quello che,che con entusiasmo e totale dedizione ha dato e non ha preteso nulla.Alcuni,in paese,mi dicono che " il passato è passato,è inutile rinvangare il perchè le Terme sono in queste condizioni ecc.ecc...io però
    non sono d'accordo con chi dice così,i responsabili di ciò che è accaduto sono ancora in giro per il paese e nell'Amministrazione comunale attuale ma...
    dovremmo dimenticarcene e fare finta di niente.Mi dispiace ma io non ci riesco.

    saluti da Anton Egò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la ringrazio, ma non disperiamo, speriamo che tutta salice diventi una aera a se non divisa tra godiasco e Riva, comunqueil comune di Rivanazano sicuramente è più reativo rispetto a quello di godiasco, speriamo bene per il futuro.
      saluti
      Della Casa

      Elimina
    2. su queste sue precisazioni ,sono daccordo con Lei,Rivanazzano Terme è molto ,ma molto più reattivo che Godiasco -Salice Terme .

      Anton Egò

      Elimina
  5. Quanta confusione. Amministratori che non sanno quale è il loro territorio amministrato o daamministrare.
    Proprietà comunali che non sono nel comune di pertinenza.
    Lettere della ASL indirizzate al Sindaco sbagliato .
    La lettera, tanto per intenderci doveva essere indirizzata al Sindaco di Rivanazzano Terme, nella sua qualità di Autorità sanitaria locale, perché l'area da bonificare è nel territorio di Rivanazzano Terme.
    Ma lo fate apposta a giocare sull'equivoco?
    Gli abusi di potere o le omissioni di atti pertinenti al proprio ufficio sono reati di natura penale e mentre è comprensibile fare di questi errori a normali cittadini, gli stessi errori marchiani non sono accettabili da parte di amministratori che si definiscono tali e con competenze di legge acquisite con la loro elezione. Ma quando vi decidete a fare sul serio?

    RispondiElimina
  6. tutti questi equivoci,e/o confusioni di pertinenze territoriali e chi più ne ha più ne metta,sono facili da fare in Salice Terme,dato che i confini territoriali e di competenze varie sono spesso confuse e sovrapponibili tra loro.Perchè non segnalare con delle indicazioni stradali nelle strade interne ,dove comincia un comune e dove finisce e viceversa con il comune contiguo ?? lo stesso cittadino ne sarebbe agevolato qualora volesse fare delle segnalazioni o altro,saprebbe a chi rivolgersi o no ?

    RispondiElimina
  7. Il signor Anton Egò, se fosse di Salice, saprebbe che quel locale era diventato un localaccio non più frequentato dagli anziani. Dare colpe a Don Valentino, che ha investito quei soldi in un oratorio moderno per giovani e vecchi, è ingiusto e irriverente. Se ha qualcosa con Bisterzo, se la prenda solo con lui

    RispondiElimina
  8. Spero che non si inizi una polemica su come era o non era l'ex circolo ACLI. Per favore parliamo di futuro o, al massimo, di presente. Parliamo di progetti, di idee da realizzare, di cose da organizzare. L'acqua passata non macina piu'

    RispondiElimina
  9. solo una piccola precisazione ,poi mi zittisco :se l'ACLI era diventato ,come dice lei,un "localaccio" è
    in parte dovuto al locatore del locale che accettava frequentatori che consumavano abbondantemente e non si limitavano a prendere un caffè come di solito si fa nei locali frequentati da anziani,e per tutto il giorno occupano sedie "improduttive" .Ma ciò che volevo dire è che l'Acli rappresentava un servizio sociale per una categoria di persone anziane,non certo abituata a spendere e spandere la loro pensioncina in consumazioni ricche per il gestore.E misembra che di fronte ad una motivazione del genere
    la Chiesa avrebbe dovuto mostrare più attenzione e sensibilità.
    Se l'intenzione di Don Valentino era quella di portare gli anziani all'oratorio ha clamorosamente sbagliato calcolo,forse avrebbe dovuto chiederlo a loro prima di dare il suo benestare alla vendita.
    Contro Bisterzo non ho proprio nulla:registro solamente i fatti ed i risultati,ognuno di noi è libero poi di trarre le proprie conclusioni.

    Saluti da Anton Egò

    RispondiElimina
  10. Han investito quei soldi per i giovani e per abbattere alberi secolari (in salute) che forse sarebbero potuti essere risparmiati. Mi domando se un qualsiasi altro cittadino avrebbe avuto la concessione di tirar giù due tra gli alberi più spettacolari del paese.

    RispondiElimina
  11. Francamente non ho capito il commento precedente. L'ho pubblicato nella speranza che sia mia carenza. Se comunque l'(anonimo purtroppo) autore volesse chiarire meglio il suo pensiero. ....

    RispondiElimina
  12. L'anonimo a cui si riferisce il sig.Sorrentino intedeva sicuramente riferirsi a quei due bellissimi centenari Cedri deodara che erano vissuti in perfetta salute per anni tra l'oratorio ed il campetto di calcio.Questo fu fatto in fretta ed in silenzio per permettere l'allungamento dell'Oratorio .

    Mi piacerebbe venissero rese note le motivazioni che
    l'allora Amministrazione Comunale addusse per giustificare tale operazione.Non mi meraviglierei se
    si scoprisse che furono abbattuti per " non meglio identificati motivi fitosanitari " .Questo ,se fosse ,sarebbe un clamoroso " falso in atto pubblico ",perchè i cedri erano in perfetta salute,e sicuramente sarebbero ancora lì oggi.
    Ma cosa non si fa per il caro Don Valentino ?

    saluti Anton Egò

    RispondiElimina
  13. Ho aggiunto qualche foto per documentare lo stato dei giochi per i bambini. Servono commenti?

    RispondiElimina
  14. chieda spiegazioni, invece, all'autorità locale di sanità, il sindaco del comune di rivanazzano per quanto riguarda il putrido laghetto delle scuole. Quelle scuole sono a Rivanazzano ed è lui il repsonsabile sanitario del suo comune. Mandare quella lettera al sindaco di Godiasco è come volere insabbiare il problema. Ma i nostri bambini fino a quando dovranno sopportare questi pericoli?
    Ma nessuno, e non lei sig. Sorrentino, nessuno ha coscienza di questi problemi?
    Farei una bella denuncia collettiva ma non all'Asl ma al tribunale di Voghera, così, tanto per capire meglio le responsabilità penali.
    Ma prima di queste ci sono evidenti responsabilità MORALI. Ma sembra che la morale non appartenga ai piani alti del comune di godiasco.
    Con sincera arrabbiatura, Silvia.

    RispondiElimina
  15. Io ho fatto un esposto alla ASL in cui segnalavo la situazione del giardinetto. Che il metterlo in ordine, il dotarlo di un minimo di giochi e il risanarlo sia competenza del sindaco di Godiasco, di Rivanazzano o di chi altri non mi interessa. La ASL pare abbia fatto un sopralluogo. Non saprei dire se la lettera al sindaco di Godiasco sia frutto di una scelta di competenze o casuale. Vedremo. Per adesso non resta che aspettare e vedere cosa verrà fatto. Certo è che della cosa è informato anche il sindaco di Rivanazzano. Siamo comunque sempre in tempo a scrivere nuovamente, magari con anche qualche firma di genitori che preferiscono far giocare i loro bambini in un ambiente sano.

    RispondiElimina
  16. Grazie per il continuo interessamento che dimostra verso questo ed altri problemi. Lei da solo dimostra che ci vuole poco seguire i vari problemi che affliggono i nostri bambini ed il nostro comune. Non capiamo invece perché i nostri amministratori non se ne interessano. Hanno il potere e ne hanno dichiarato la voglia ma fino ad adesso appaiono solo al taglio di ogni nastro che gli mettono davanti ( e se fotografati).
    Non abbiamo eletto degli attori. Abbiamo eletto degli a m m i n i s t r a t o r i.
    Che amministrino quindi con atti concreti. Fateci vedere e fatecelo sapere. Ma come, in campagna elettorale ogni foglio stampato era utile ed adesso ? nulla, nessun risultato conseguito. Nessuna pubblicità di cosa fatta. Sento solo tanta amarezza intorno a me e tanti " se lo sapevo" !!!
    Silvia ed alcune sue amiche

    RispondiElimina
  17. e'peccato per ciò che succede, ma quando avete eletto questi amministratori, vi siete mai domandati quale esperienza avessero? O forse sono stati eletti perchè non c'erano altri? Ma che curriculum hanno, sono mai stati in uffici pubblici? In Oltrepò va bene tutto, quando sono arrivato a Salice incontrai un Rivanazzanese, piccolo impresario edile, alla fine delle sue frasi terminava nel dire RESTUMA CUME SUMA, perciò non cambierà mai niente, perche questo noi lo vogliamo, siamo noi che dobbiamo cambiare e non accettare tutto. Capito.

    RispondiElimina
  18. Concordo con Silvia. Il parco giochi è veramente l'emblema del poco interesse che i cittadini - in questo caso i piccoli - riscuotono da parte delle amministrazioni locali della zona. E dire che basterebbe veramente poco per fare dei luoghi di gioco carini che diventino il luogo di ritrovo non solo per i bambini ma anche per i genitori. Credo però che molto possa anche la volontà delle singole persone. Le esperienze di genitori che si auto - organizzano sono ormai tante. Avevo lanciato qualche tempo fa, sempre su questo blog, l'idea di una raccolta fondi per raccogliere risorse sufficienti a sistemare il parco giochi. Sarebbe una cosa che parte dal basso, permetterebbe di mettere insieme più teste. E' vero gli amministratori hanno "il potere", ma i cittadini possono comunque fare azioni concrete per migliorare situazioni laddove il potere non può/vuole arrivare. La mia proposta è sempre valida! Sarebbe possibile incontrarsi? Conoscersi? Irene

    RispondiElimina
  19. Ma nelle vicinanze di SALICE si sta aprendo un nuovo asilo, asilo privato,per caso quest asilo privato ha avuto finanziamenti pubblici? E se cosi fosse sarebbe tutto da ridere, aiutiamo i privati ed il pubblico STA A GUARDARE ! E OGNUNO LA PENSI COME CREDE, io avrei portato a termine bene quello già esistente.

    RispondiElimina
  20. E' in comune di Rivanazzano Terme. Quello già esistente quale? Quello in Godiasco (ex scuole medie) è già pronto. E' stato finanziato per la quasi totalità dal GAL.
    Mancano solo i bambini che lo frequentino.
    L'amministrazione godiaschese non ha avuto la cortesia di informare quante siano state le manifestazioni di interesse al servizio prima di procedere con la realizzazione, nè è dato sapere quante siano ad ora le iscrizioni, preannunciate o effettuate. A solo titolo di cronaca ricordo che l'ex sindaco Deantoni escluse la realizzazione per il troppo poco interesse riscontrato.

    RispondiElimina
  21. Già, sig.Sorrentino, mancano i bambini che frequentino l'asilo.
    La colpa purtroppo non è del sindaco, ma delle famiglie che non fanno bambini o non li mandano.
    Ma come, si spendono soldi, si fanno sacrifici e mancano i bambini.
    Incredibile.
    E adesso dove li andranno a cercare? cosa faranno? I bambini ci sono, forse la retta mensile è un po' esagerata. Molto alta.
    Abbassate la retta a importi accettabili e vedrete che l'asilo si riempirà.
    Per quanto riguarda la mancata e cronica mancanza di informazione ritengo irritabile un comportamento antidemocratico e silenziosamente omertoso.
    Come dire " non parlate al conducente" perchè il conducente nulla ha da dirvi.
    Angela D.

    RispondiElimina
  22. ahahahahah!
    mancano i bambini, bella questa.
    A me hanno detto che l'apertura sarà a giorni. Ho pensato alle calende greche, alle idi di marzo, ai giorni che verranno.
    Poi diranno che i bambini son cresciuti ed è già tempo di mandarli a scuola.
    La struttura è bella, aspettiamo che arrivino stì bambini.
    Carlo B.

    RispondiElimina

Se tu dai un euro a me ed io uno a te, abbiamo un euro ciascuno.
Se tu dai un'idea a me ed io una a te, abbiamo due idee ciascuno.
Le idee sono importanti, ma non è da meno la cortesia di farsi riconoscere quando si posta un commento.